HomeBlogLa manovra di Monti elenco dei provvedimenti più importanti

La manovra di Monti elenco dei provvedimenti più importanti

Scritto il -   - startbyzero

Nella manovra appena varata dal Cdm, si è dato peso all’equità. Lo ha detto il premier Mario Monti in conferenza stampa. “Abbiamo avuto cura nel distribuire i sacrifici”, ha spiegato Monti annunciando misure più severe nella lotta all’evasione. “Fino ad oggi in Italia abbiamo visto tanti decreti salva qualcosa, che erano espressione di interessi particolari”, ha aggiunto Monti -. Questo chiamatelo decreto salva Italia”. ”Tiriamo la cinghia, ma subito impegni per la crescita”.

“Per certi aspetti abbiamo da tirare la cinghia e per altri mettiamo subito in opera meccanismi per la crescita dell’Italia”, ha aggiunto Monti, facendo riferimento a provvedimenti in favore di donne, giovani, per una migliore coesione territoriale e per lo sviluppo del mezzogiorno.

COSTI DELLA POLITICA

Monti: “Rinunico al mio compenso da premier”: ”Nel momento in cui si chiedono sacrifici a tutti i cittadini mi è sembrato doveroso rinunciare al mio compenso come Presidente del Consiglio e ministro dell’Economia”, ha detto il Presidente del Consiglio.

Membri governo dichiareranno tutto il patrimonio: ”Per i membri del Governo ci sara’ un criterio di trasparenza a livello delle migliori pratiche internazionali, e abbiamo deciso di ispirare le nostre dichiarazioni patrimoniali al principio di non dichiarare solo quello che prevede la modulistica attuale ma di dichiarare per intero i patrimoni”, ha spiegato il premier.

Eliminate le giunte provinciali: ”Non e’ nostro potere abolire le province nel decreto odierno”, ma nel provvedimento abbiamo ”profondamente modificato le province: abbiamo eliminato le giunte provinciali e c’e’ una drastica riduzione del numero consiglieri”, ha detto Monti.

FISCO, IVA ED EVASIONE

Misure incisive contro l’evasione: Il governo ”ha preso misure significative contro l’evasione fiscale”: gia’ in passato sono stati fatti simili interventi, ma ”vedrete che i nostri provvedimenti sono piuttosto incisivi”. Cosi’ il premier  nel corso della conferenza stampa.

No ai condoni: ”Va esclusa la possibilita’ di ricorrere a condoni”. Lo ha detto il presidente del consiglio Mario Monti nella conferenza stampa al termine del cdm, sottolineando che ”la lotta all’evasione e’ una priorita’ di questo governo”.

Una tantum su capitali scudati: Un prelievo una-tantum dell’1,5% sui capitali fatti rientrare in Italia con lo scudo fiscale. Lo ha annunciato il premier Mario Monti nel corso di una conferenza stampa a palazzo Chigi. Ci sarà un “intervento una-tantum di pari importo dell’imposta di bollo dell’1,5% per i capitali fatti rientrare in Italia con lo scudo fiscale. Questi interventi – ha sottolineato – hanno valore di giustizia”.

Favorevoli alla tassare le transizioni finanziarie: La posizione dell’Italia e’ ora ”piu’ favorevole alla tassazione sulle transazioni finanziarie. Mentre prima la posizione era contraria. Certo non e’ un singolo paese che puo’ prendere un provvedimento di tale genere”.

Fiscalità non punitiva per le Pmi: La manovra prevede un ”allargamento delle basi imponibili, anche per le Pmi, introducendo pero’ per loro una fiscalita’ non punitiva.

Iva, Ici, bollli su conti correnti, tassa auto di lusso, barche e aerei: Il Governo tassera’ le abitazioni, aumentera’ i bolli “e non solo sui conti correnti”, tassera’ le barche sopra i 10 metri, le auto di lusso e gli aerei privati. L’aumento dell’Iva del 2% scattera’ dal primo settembre 2012, a copertura della clausola di salvaguardia e da attuare “solo nel caso in cui sia necessario”.

Nessun intervento sull’Irpef: Nessun aumento delle aliquote massime dell’Irpef, come si era ipotizzato in questi giorni, ma aumento dell’addizionale regionale. Lo ha chiarito il ministro per i Rapporti con il Parlamento Piero Giarda, nella conferenza stampa al termine del Cdm che ha approvato la manovra. “Non ci sono interventi correttivi dell’aliquote Irpef al 41% nè di quella al 43%”, ha chiarito Giarda. Misure che pure erano presenti nelle bozze, tanto che il ministro spiega: “Lo abbiamo compensato con il tentativo di aumentare la partecipazione delle persone fisiche alla spesa sanitaria. Viene leggermente aumentata l’addizionale Irpef con corrispondente diminuzione dei trasferimenti alle Regioni”. Giarda non ha quantificato l’aumento dell’addizionale, ma fonti delle Regioni parlano di un aumento dello 0,33 per cento, dallo 0,9 all’1,23%.

Vietato uso contante sopra i 1000 euro: ”Viene attuato un pacchetto antievasione che prevede il divieto di uso del contante per pagamenti superiori ai mille euro”. E’ quanto ha deciso il Consiglio dei ministri. ( vedi approfondimento )

Irap ridotta a chi assume giovani e donne: Il Governo ridurra’ l’Irap alle aziende con dipendenti giovani e donne. Lo rende noto il ministro per i Rapporti con il Parlamento Giarda.

PENSIONI

“Evitare privilegi. Metodo contributivo per tutti”: ”Abbiamo passato al setaccio il sistema pensionistico per individuare privilegi ed eliminarli o attenuarli”. Lo ha detto il ministro Elsa Fornero, spiegando che si e’ optato per ”un metodo uniforme per il calcolo della pensione: per tutti si calcola con la stessa formula che e’ metodo contributivo. Nessun euro deve essere perso”.

Contributo da pensioni più ricche: ”Abbiamo chiesto un contributo di solidarieta’ alle pensioni piu’ ricche e avvantaggiate”. Lo ha detto il ministro del Welfare, Elsa Fornero.

Il ministro Fornero darla di sacrifici e si commuove: Il ministro del Welfare Elsa Fornero si commuove durante la conferenza stampa di presentazione della manovra. Inizia spiegando ”i vincoli finanziari oggi sono severissimi: nessuna riforma nell’anno della sua introduzione da risparmi. E’ un meccanismo lungo. E allora abbiamo dovuto, e ci e’ costato anche psicologicamente, chiedere un sacr…”. Il ministro non termina la frase.

No al blocco dell’inflazione fino al doppio delle minime: ”Grazie ai proventi derivanti dal dal bollo sullo scudo fiscale possiamo dare non meta’ copertura dall’inflazione, come pensavamo, ma piena copertura dall’inflazione, anche per le pensioni comprese tra quella minima che e’ di 480 euro e la doppia della minima”. Lo ha detto il presidente del consiglio Mario Monti.

Pensioni d’anzianità: uomini a 42 anni, donne a 41 anni: Sulla pensioni di anzianità “abbiamo deciso di lasciare l’anzianità delle donne a 40 anni più uno, perché c’è già, più un mese già scattato. Quindi 41 anni e un mese per le donne. Per gli uomini chiediamo un sacrificio: l’anzianità si acquisisce con 42 anni e un mese dal primo gennaio 2012″. E’ quanto ha spiegato il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, nel corso di una conferenza stampa.

Età minima: donne 62 anni, uomini 66: ”L’età minima per andare in pensione sarà di 62 anni per le donne e di 66 anni per gli uomini. Dal 2018 anche le donne dovranno andare in pensione a 66 anni”. Lo ha detto il ministro del Lavoro e della Previdenza sociale, Elsa Fornero, nel corso di una conferenza stampa al termine del Cdm che ha dato il via libera alla manovra finanziaria.

CRESCITA E SVILUPPO

Liberalizzati vendita farmaci e orari negozi: Il Consiglio dei Ministri ha deliberato con la manovra un insieme di liberalizzazioni per la vendita di farmaci, per i trasporti e per gli orari dei servizi commerciali. Vengono potenziate le funzioni dell’Antitrust.

Premiro fiscale a chi mette soldi nelle aziende: ”Abbiamo deciso un primo intervento fiscale per favorire chi mette capitale nell’azienda per crescere consolidarsi e fare investimenti, attraverso una sigla che si chiama Ace: si premia fiscalmente il capitale che si mette nelle aziende”. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo Corrado Passera in conferenza stampa.

In arrivo autorità dei trasporti: Le misure sullo sviluppo contenute nella manovra consentiranno anche di ”aprire il sistema dei trasporti” e per questo ”verra’ messa a punto prossimamente una Autorita’ per l’apertura del settore”. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo Corrado Passera.

Cipe, decine di milardi per nuovi progetti: Il ministro allo Sviluppo, Corrado Passera, annuncia che martedi’ prossimo ci sara’ una riunione del Cipe e che grazie alle nuove regole sulla realizzazione delle infrastrutture varate oggi con la manovra, si sbloccheranno progetti per ”decine di miliardi”. ( approfondimento wikipedia sul cipe )

I NUMERI DELLA MANOVRA

Manovra da 30 miliardi: ”Le cifre globali della manovra rispecchiano in toto le richieste della Commissione europea”. Lo ha detto il viceministro all’Economia, Vittorio Grilli in conferenza stampa. L’entità lorda della manovra è di 30 miliardi in tre anni e 20 miliardi netti. Sono state adottate “misure strutturali per 20 miliardi circa per il triennio. Misure strutturali sia dal punto di vista dei conti pubblici sia della crescita, vuol dire che non hanno forma una-tantum, ma hanno carattere strutturale. Di questi 20 miliardi netti ci sono circa 30 miliardi lordi di interventi”.

LEGGI IL TESTO INTEGRALE DELLA MANOVRA IN FORMATO PDF

Scrivi un tuo commento o qualche consiglio